martedì 26 novembre 2013

ROMA - ACESE 2 - 0

ROMA: Casaroli, Carosi, Bevilacqua, De Luca, Lucci, Volpi, Martinovic (73°Simeone), Barreca, Narduzzi (66°Corradino), De Vecchis, Giura. A disposizione: Felicella, Fiorella, Fusco, Bartolini, Rossi. Allenatore: Vantaggio Alessandro.

ACESE: Sciacca, Napoli (58°Marrone), Castorina, Amato, Caciorgna, Piro, Risina, Giuliano, Perotti, Privitera (90°Lazzara), Bassano. A disposizione: De Carlo, Presenti, Ravvolgi, Scardaci. Allenatore: Caniglia Valerio.

Arbitro: Petrella di Viterbo

Espulsi: ----

Ammoniti: Giura (RM), Giuliano (AC) Perotti (AC)


RETI:


Fotocopia, forse anche in peggio, della partita con la Lazio (lì almeno la squadra era incompleta!). Oggi le ragazze dell'Acese sono rimaste tutte nello spogliatoio a pensare a come passare la serata.
Vedere giocare in tal modo alcune calciatrici, vedere qualche ragazza commettere castronerie che ti dicono di non far mai fin dai primi calci, insistere con palle alte che sono un palese vantaggio per la squadra avversaria visto che noi non abbiamo grandi colpitori di testa. Vedere tutto questo ti fa girare, per educazione, gli occhi!
In pratica una trasferta che, nata male,  ha avuta la sua logica conclusione.
Non riuscire a sopportare una situazione di stress occasionale è sintomo di una debolezza di carattere che non fa ben sperare nel prosieguo del campionato e costringe la società a delle valutazioni serene e dure.
Cercare di tirarsi fuori dal naufragio generale accampando scuse ed accusando un po' tutti dalle compagne in su non è un atteggiamento costruttivo, opportuno e nemmeno, per così dire, elegante.
Ultima notazione per l'ennesima volta abbiamo potuto constatare che a Roma è vietato vincere.
Il primo è nato da un plateale fallo non fischiato, su Risina) che ha lanciato nell'uno contro uno la romanista contro il portiere. Il secondo un gentile omaggio sempre di Risina che ha fatto un ottimo assist con un passaggio orizzontale in zona difensiva, cosa che come sanno anche i bambini dei primi calci non si fa mai!
Sono gli arbitri condizionati e casalinghi? (al contrario dei nostri che ci tengono a far vedere di essere neutrali?) Vuolsi così colà dove si puote? Magari entrambi le cose. Allora che senso ha questo campionato? Ce lo stiamo chiedendo.

Nessun commento: